Il tuttomio

Il tuttomio - andrea camilleriIl matrimonio di una atipica coppia, lui ricco manager, lei serenamente e coscientemente ingenua, ha l’apparenza di una felice vita coniugale .

Lei non potrebbe chiedere di più da un matrimonio a cui è arrivata più per interesse, non monetario, che per amore, lui innamorato dell’idea della donna più che della donna stessa.

Il loro legame, tutto armonia e buone maniere, poteva essere scosso solo da un non trascurabile problema, cioè l’impossibilità di lui di congiungersi sessualmente con la sua compagna, Ma invece che disgregare la coppia, questo problema ne è stato il collante, visto che la soluzione adottata ha creato un a intrigante complicità che li lega ancora di più.

Quando ho preso in mano il Tuttomio ho visto che l’autore era Andrea Camilleri e tanto mi è bastato .

Quando dopo ho letto alcune recensioni che parlavano di romanzo erotico mi sono stupito, ma non ho creduto neanche per un attimo che Camilleri fosse stato contagiato dal successo insensato di 40 sfumature di grigio.

Ed in effetti solo una critica superficiale, da trafiletto commerciale, potrebbe definire Il Tuttomio un romanzo erotico. Ci sono si descritte scene di sesso, ma non sono fini a se stesse, ma funzionali alla storia, per spiegare la situazione e le conseguenze.

Perchè Camilleri racconta le vite (vedi anche Il Tailleur Grigio o un sabato con gli amici) e non le singole vicissitudini dei suoi personaggi .

E per spiegare chi è Arianna, da dove arriva e dove va a finire, si deve passare dai punti salienti della sua vita e quindi dall’accordo sessuale con suo marito. Ma non descrive il sesso, racconta come il sesso ha indirizzato la sua vita.

E la vita, o meglio la trama che ha immaginato l’autore, la porta lontano da quello che può immaginare il lettore. Camilleri ancora una volta dimostra originalità e capacità di variare, abbandonando del tutto la strada che lo ha portato al successo (Commissario Montalbano), e trovando con nuove situazioni, epoca, società, linguaggio ed articolazione della storia un nuovo godibile romanzo.

— un paragrafo significativo

A sentire l’inattesa proposta di suo marito è rimasta tanto sorpresa e sconvolta da non trovare subito le parole per rispondergli.
Mai avrebbe pensato che un uomo, per amore, sì, per amore, si sarebbe potuto spingere a tanto.

«Che ne dici?» insiste lui.
E aggiunge, baciandole i capelli:
«Guarda che la mia è solo una semplice proposta. Quindi tu sei liberissima d’accettare o rifiutare. Però penso, e te lo dico con tutta sincerità, che sia meglio per la nostra, come dire, tranquillità coniugale, se tu dici di sì.»
Il tono razionale, pacato, distaccato, di suo marito le sembra per un momento del tutto inadatto all’argomento che sta trattando, quasi assurdo.
«Che ne pensi?»
Allora gli fa la prima osservazione che le è venuta in mente, ma che ancora non è riuscita a esprimere:
«Io non voglio farti nessun torto.»
E subito dopo averla detta, si rende conto che quella frase significa che in linea di massima sarebbe d’accordo.
Sta per riaprire la bocca e spiegarsi meglio, ma Giulio l’interrompe, sorridendo.
«E che torto è se tu fai una cosa che abbiamo concordato insieme? Anzi, una cosa che sono stato io a proporti? Mi faresti un torto se tu questa cosa la facessi a mia insaputa o contro la mia volontà.»
E su questo ha ragione.

— la presentazione ufficiale

Il tuttomio

Mondadori

Arianna ha trentatré anni ed è bellissima e deliziosamente infantile. I suoi capricci irragionevoli le sue abitudini regressive e involontariamente lolitesche sono la gioia di Giulio che la ha sposata e che l’ama e la protegge anche da se stessa. Ogni tanto però Giulio è attraversato dalla consapevolezza di non sapere tutto sulla sua moglie sensualissima e bambina: “C’è qualcosa di te che mi nascondi” le sussurra mentre non riesce a fare a meno di viziarla. Di segreti Arianna ne ha molti e brucianti; ma quello che custodisce più gelosamente è il “Tuttomio”: un rifugio una “tana” tutta sua ricavata in un angolo del solaio sul modello della piccola caverna dove si rifugiava in campagna da piccola e in cui la sola ospite ammessa è Stefania una grossa bambola parlante. I giochi di Arianna e Giulio si tingono presto di un’accensione sessuale sempre più pericolosa. Tanto più perché lei come ogni bambina birichina non ha chiaro il confine che separa il gioco dalla realtà. Ispirato alla scandalosa vicenda dei marchesi Casati sorretto da una scrittura capace di scandagliare con potenza e ironia tutte le sfumature della passione questo romanzo di Camilleri trascina i lettori dritti nel cuore dell’amore e della perdizione.

13.60 EURO

Il tuttomio ultima modifica: 2013-08-12T08:13:48+00:00 da admin-Salvatore
dello stesso autore o stesso argomento
Il commissario Montalbano è molto infastidito da quello che sta succedendo a Vigata. Una troupe
Questa volta Camilleri lascia a casa Montalbano per una meritata vacanza e pubblica una serie
Prima di parlarvi di questo nuovo romanzo di Andrea Camilleri , l'altro capo del filo,
Il commissario Montalbano dalla sua verandina in riva al mare assiste ad una zuffa e
Come sempre, anche in fondo a questo romanzo Andrea Camilleri ci informa che, anche se

Lo hai letto ? O hai bisogno di qualche informazione in più ?