Le mele di Kafka

le mele di kafka di andrea vitaliAbramo è all’apice della sua carriera come giocatore di bocce, parteciperà alle semifinali del Campionato provinciale con buone possibilità di arrivare alla finale .
Tutto il paese è in fermento, il suo istruttore Mario in ansia da prestazione.

Quando Abramo è costretto a partire per la Svizzera per la grave malattia del cognato, in punto di morte, tutto il paese è costernato .

Riuscirà Abramo a tornare in tempo per la gara ?

Non si può tirare indietro, non può far finta di non voler rendere saluto al cognato, anche se lo ha visto solo un paio di volte in vita sua . Il viaggio in Svizzera non si può rimandare e sarà solo il primo di tanti piccoli contrattempi che si frappongono tra lui e la finale .

I documenti scaduti, il difficile tragitto per il San Bernardino, una ruota bucata durante il viaggio, le difficoltà a telefonare in Italia. E poi la neve . L’auto che parte in discesa con la moglie a bordo che dorme . Sembra che tutto trami contro il campione di bocce .

Saranno tutti ostacoli appena accennati, che si risolveranno da soli, non creeranno nessun impedimento . Fino a quando il fato veramente non deciderà di tirare un brutto scherzo ad Abramo .

La storia scorre liscia, descrive la semplicità caratteristica degli abitanti del piccolo paese, un po’ isolati dal mondo, un po’ contenti di esserne isolati . Vitali gioca ancora con il suo mondo felice sulle rive del lago di Como, prendendosi gioco dei suoi personaggi divertendosi a metterli in situazioni semplici ma impreviste.

— un paragrafo significativo —
Più corvo che prete.
Fu il pensiero dell’Abramo, con tutto il rispetto e senza aver condiviso l’immagine con la moglie, dopo che il prevosto lasciò la casa, quando ormai erano quasi le due e dopo essersi liberato del tragico fardello.
La conclusione era stata che se volevano vedere vivo l’Eraldo…
Insomma, vivo…
Aveva impiegato un bel po’ per arrivare a quel punto.
Quando era entrato aveva preso subito la strada della cucina, ormai fredda quasi come fuori.
Un colpo di tosse e poi via.
«Purtroppo…»
La Rosalba aveva cominciato a piangere quasi subito e l’aveva ascoltato con i gomiti appoggiati al tavolo e le mani intrecciate sulla faccia.
Il Ferrascini invece era stato uomo.
In piedi, serio.
Non aveva potuto fare a meno di tirare un sospiro di sollievo pensando al suo socio di bocce. Anche nel caso, non avrebbero certo mandato il prevosto ad avvisarlo, non a quell’ora.

— la presentazione ufficiale —
Abramo Ferrascini, quello della ferramenta di Bellano, è un giocatore di bocce. Come individuale non va bene, ma boccia come dio comanda e in coppia con un buon accostatore diventa imbattibile. È stato tirato su a puntino dal gestore del Circolo dei Lavoratori, Mario Stimolo, allenatore per passione e perché tre anni fa, nel 1955, ha perso il braccio destro sotto una pressa e perciò di giocare non se n’è più parlato. Ora il Ferrascini ha tutte le carte in regola per vincere le semifinali del Campionato provinciale in programma a Cermenate domenica prossima. Ma c’è un intoppo. Suo cognato, l’Eraldo, quello che vive a Lucerna, sta male. Quarantotto ore gli hanno dato i medici di là, svizzeri, precisi. E adesso la moglie di Abramo, Rosalba, vuole a tutti i costi raggiungere la sorella, ma soprattutto dare all’Eraldo un ultimo saluto, magari un ultimo bacio. Ma ce la faranno ad andare e a tornare in tempo per le semifinali? Dipende. Se l’Eraldo muore entro martedì, mercoledì al massimo, si può fare. Bon, via allora. Un’occhiata al 1100, olio freni gomme; carta d’identità rinnovata all’ultimo minuto; prima tappa il passo del San Bernardino, poi giù dritti fino a Lucerna: basta seguire i cartelli, anche se sono in tedesco, perché il nome di quella città lì si capisce lo stesso. Ispirato da un aneddoto legato a un soggiorno a Lucerna del grande scrittore praghese, “Le mele di Kafka” mette in scena il meglio dei personaggi di Andrea Vitali.
le mele di kafka di andrea vitali Vuoi leggere questo libro ? Clicca sulla copertina.

Le mele di Kafka ultima modifica: 2016-07-04T14:12:12+00:00 da admin-Salvatore
dello stesso autore o stesso argomento
Viva più che mai inizia un'po' sottotono, tanto che mi sono domandato nelle prime pagine
Un ragazzo vittima di bullismo . Il cadavere veniva chiamato . Deriso e isolato probabilmente
Il Sisto è l'unico tassista di Bellano. I suoi pochi clienti arrivano alla stazione ferroviaria
A seguito delle vittorie coloniali in Africa i militanti fascisti erano piuttosto su di giri
Prendi Bellano ed i tipici personaggi di Vitali, poveri, analfabeti ma scaltri e dalla visione

Lo hai letto ? O hai bisogno di qualche informazione in più ?